Segnala Stampa

Dicono di noi

Riportiamo, così come ci sono pervenuti,

alcuni rimandi di partecipanti ai percorsi cha abbiamo attivato.

 

Tra questi riportiamo anche quelli di alcuni biblisti che abbiamo avuto la possibilità di conoscere o contattare.

 - Carissimi, innanzitutto vorrei ringraziarvi per la passione e la competenza con cui ci avet accompagnato in questi giorni. E' stato bello dare voce alle emozioni e scorger tra le pieghe il sussurrare di Dio. Speriamo il Signor intrecci ancora i nostri passi

Per i Parroci di Santa Maria degli Angeli

Fr. Marco Vianelli (Già coordinatore di 4 centri di formazione per Frati Francescani)

- "Mi pare una buona idea questa iniziativa... Con molti auguri di buon lavoro, Suo p.amedeo" (Cencini)

- Sr. Ione: sono tornata bambina ho trovato la mia parte bambina. Di solito presa dal ruolo la metti da parte.

- Angela: Ringrazio i 3 nuovi amici per queste metodologie. Approccio per i ragazzi ma anche per il legame tra noi catechisti e animatori per conoscerci in un altro livello più coinvolgente. Molto bello.

- Mario: ho riscoperto tutti i miei sensi e il corpo che partecipa (camminare, sinergia tra gambe, cuore e testa). Prima vi era solo la vista.

- Alessandra: L'incontro tra catechisti; il Corso, mi ha aiutato a esprimere emozioni che ho provato profonde. L'interazione forte tra i partecipanti mi ha aiutato, soprattutto rispetto alla mia difficoltà di vicinanza.

- Sabrina: tante cose... Questa forma di attività, nella catechesi, mi è molto piaciuta.

- Luca: finalmente il sentire... e non tanto fermarsi alla mente che ci lega.

- Mario: E' stata un'esperienza di integrazione tra terra e cielo. Apocalisse = cieli aperti, moltitudine immensa che loda il Signore.

- Alfredo: Spazio al sentire, all'emotività, al corpo. Si sono provate concretamente delle cose. non si sono solo teorizzate. E' stato un percorso esperienziale.

- Giacomo: Facilità e opportunità ad avvicinarci al diverso, all'altro/a. Questo percorso ci ha fatto venire il desiderio di incontrarci, di fare formazione. Si è creato un bel gruppo affiatato. Abbiamo preso contatto tra di noi; abbiamo persino giocato assieme, abbiamo fatto esperienza concreta.

- E' stato utile provare e farci correggere nelle prove di conduzione. Mi è servito per capire meglio anche come utilizzare le parole giuste, o meno. Utile poter sperimentare!

- Ciao Giovanni, volevo informarti del buon lavoro di Marta questa mattina....i bambini hanno partecipato con entusiasmo e gioia. Continueremo l'esperienza la prima settimana di scuola a Settembre...sempre con l'intento di aumentare l'autostima personale e la consapevolezza delle proprie ed altrui capacità. Anche la mia collega ne ha tratto beneficio. A presto. Chiara

- "...Ho letto la bozza del libro "Bibliodrama"... che, ripeto, ho trovato bello e interessante. ... al punto che se vedessi il libro in libreria lo acquisterei!!! E penso sia un gran bel complimento! Quindi ... complimenti e auguri".
p. Stefano Bittasi s.i.

- Carissimo Giovanni, seguo sempre con interesse il tuo lavoro per il Vangelo, e' veramente bello. Che il Signore ti sostenga e illumini sempre. Un abbraccio a te e ai tuoi cari,

Silvano (P. Silvano Fausti s.i.)

- My impression is that you are patiently creating an interest in Bibliodrama. I hope some day to be able to come and work with you; meanwhile all the best:
Peter Pitzele (Ebreo, Bibliodrammatista a livello internazionale. Vive a New York)

- La cosa che maggiormente mi sta a cuore dirti è come mi sono sentita e come ho colto il coinvolgimento delle sorelle nell'incontro sulla Parola attraverso la metodologia del Bibliodramma. Ho vissuto in una Pace profonda nella quale l'ascolto di ciò che dicevano le altre persone mi ha completamente "preso" Nel cuore c'era solo un desiderio quello che si incontrassero con la PAROLA, con il SIGNORE .. tutto il resto non c'era propio. ! Allelluia! Le suore si sono lasciate coinvolgere seriamente questo mi ha confermato il fatto che la metodologia aiuta a incontrarci sempre più profondamente e consapevolmente con Gesù e la Parola del Padre.

DIO VI BENEDICA TUTTI

sr. Alessandra (Da Elbasan)

- Carissimo Giovanni (Brichetti) CIAO
riprovo a scrivere con la speranza di avere fortuna... e di raggiungerti...
Sono suor rosella, ci siamo incontrati in Albania ad Elbasan solo per un giorno, eppure son rimasta "accalappiata" da questo nuovo modo di "pregare"
Il mio Grazie si fa più GRANDE perchè abbiamo vissuto un momento bello nell'assemblea regionale con molte giovani suore presenti
L'incontro di Gesù con la donna Samaritana ci ha fatto bene!!!
So da suor Adelina e suor Alessandra che tu hai sostenuto e indicato il cammino
GRAZIE GRAZIE GRAZIE
Il Signore ti benedica sempre, un abbraccio
suor Rosella
p.s. quando organizzerai un corso di esercizi aperto alle suore fammi sapere....

- I nostri ragazzi hanno guidato il bibliodramma sul vangelo della domenica in cui GESÙ STATO A CASA DI LAZARO ACCOLTO DA MARTA E MARIA. COSÍ ABBIAMO VISSUTO CON I NOSTRI ADULTI UN BEL MOMENTO CON LA PAROLA DI DIO SCOPRENDO NOI STESSI! GRAZIE PER IL VOSTRO IMPEGNO per l'aiuto che riceviamo tramite questo metodo Del BIBLIODRAMMA MOLTO UTILE ANCHE NELLA NOSTRA REALTÀ ALBANESE.

Sr. Therezinia

- Bentornato...
Ho sentito sr. Saveria Menni due sere fa...E l'ho sentita anche rientrata dal Perù... E' stato stupendo poterla sentire così piena di gioia per il corso del Bibliodramma... Veramente grazie! Roberta

- "Un immenso "Grazie" per l'intensa giornata: mi sono sentita "a casa", circondata e accolta da persone che mi sembrava di conoscere da tanto tempo perchè sentivo in tutti il legame condiviso di una fede curiosa, che non si accontenta del "si dice", "si fa" ma che cerca nel profondo, nelle pieghe dei sentimenti, il senso dell'amore gratuito che ci è stato donato.

C'è stato un momento, il culmine della giornata, in cui ho sentito lì, in mezzo a noi, il Signore; avvolto dal nostro sentire comune che ha assunto le sembianze di fuoco, acqua, aria, dolore, passione, bellezza, gioia rendendo così visibile, in mezzo a noi, il miracolo della rivelazione.

Grazie a tutti per aver "dato il consenso" a questo miracolo.

"L'esperienza del bibliodramma mi ha permesso uno sguardo di lettura diverso, più a diretto contatto con l'altro. Nella fattispecie immedesimarmi con il fanciullo nella casa di Zaccheo mi ha fatto vivere la scena "dal di dentro"; non ho avvertito freddezza, nè giudizi nè tanto meno pregiudizi. Soltanto la mia emozione (e credo quella di ciascuno) senza filtri". Graziano

- "In quel contesto ho proprio incontrato la Parola vissuta che vive nello spazio, nel tempo, oltre lo spazio... oltre il tempo...grazie ancora". Daniela

- "Per mè non è stato facile, soprattutto all'inizio, mettermi in relazione con persone sconosciute e con aspetti non felici della mia persona. Ma è proprio vero che senza fatica non si ottiene nulla e io penso di aver avuto molto sabato. Ho capito ancora una volta che non c'è via migliore che mettersi nei panni degli altri per comprendere e perdonare. Sarà utile per noi, coniugi catechisti prendere alcuni spunti dall'esperienza fatta per aiutarci e aiutare gli altri ad entrare nella Parola".

Veronica

- "Cristo ci chiama di continuo a partecipare al mistero dell'incarnazione, dopo di lui noi siamo chiamati a farlo nella nostra storia, dare il nostro corpo, il nostro cuore la nostra mente per rappresentare la Parola a noi e agli altri è stata un'esperienza che mi ha acceso la voglia di abbracciare i fratelli per fargli sentire quanto inesauribile Amore viene dal Padre". Maurizio

- "Mettersi in gioco nella realtà è l'avventura per vivere in pieno il progetto che Dio ha sulla nostra vita. Grazie Giovanni e da Pescara. Un abbraccio carico di stima e apprezzamento sincero". Rossella

- "Usare una metodologia attiva per mettersi all'ascolto della Parola mi sembra formidabile, aiuta a superare la scissione tra cuore e mente che spesso aleggia anche quando la riflessione biblica è condotta nel migliore dei modi.

Il bibliodramma potrebbe forse essere proprio il modo per mettere in relazione più profonda il piccolo gruppo con la comunità, attraverso un rimescolamento degli stessi gruppi in uno spazio/tempo diverso, ma non meno intenso come vissuto. Potrebbe costituire insieme uno strumento di restituzione dell'esperienza d'ascolto della Parola nel piccolo gruppo e di svelamento di dimensioni inedite della stessa Parola reso possibile dalla proiezione della risonanza interiore in un'azione drammaturgica esterna, in qualche modo oggettivabile.

Avevo, come tutti, una conoscenza più che buona della parabola che hai scelto di proporci per l'incontro e, tuttavia, l'essermi calato nel personaggio Zaccheo mi ha consentito, per la prima volta, di intuire la folgorazione che, stando al racconto, deve averlo colpito nel momento in cui incontra Gesù. L'emozione è stata tanta e ringrazio te come conduttore e il gruppo tutto per avermi offerto l'opportunità di provarla".

     Fausto Piazza.

- "Il percorso mi è stato molto utile. Mi ha permesso di navigare verso la mia dimensione "profonda". Lì solo si incontra l'Altissimo disceso per noi!

     Emanuela

- "Sono stata contenta di esserci. Avevo paura di fare resistenza a questa modalità, ma mi son trovata bene".

    Sr. Maria Francesca

- Grazie per essere entrato nella mia vita, col Bibliodramma, ma soprattutto conl'idea che è possibile coltivare una spiritualità diversa, per me più sincera.

 Federico (un giovane)

- "...Mi ha chiamato suor Raffaela da Assisi con un entusiasmo incredibile. Voleva condividere con me la gioia dimaver fatto un incontro con dei ragazzini di seconda media ( non il suo gruppo, avendo fatto il corso si è resa disponibile per tenere incontri con il bibliodramma nei vari gruppi) sulla pentecoste. Mi ha con gioia raccontato i passaggi dell'incontro e i meravigliosi risultati ottenuto. Mi ha poi raccontato cosa stanno facendo in parrocchia ed è davvero entusiasta e brvissima. Mi ha ringraziato ancora tantissimo per tutto ciò che le abbiamo trasmesso. Volevo condividere questa gioia perché questo meraviglioso strumento pian piano si sta diffondendo regalando nuove possibilità di incontro con il Signore.   Che meraviglia".

    Monica

 

"...è' proprio un'esperienza bella ed edificante fare un Bibliodramma con te. La semplicità e l'umiltà che ricerchi, esse stesse parlano del vangelo e dello stile di Dio"..

   Francesco

"Ciao.. grazie a tutti voi che ci avete accompagnato ad approfondire e a vivere la Parola!! Ognuno di voi tre ci ha lasciato un pezzettino di sé, avete condotto il seminario con preparazione e delicatezza!! Spero che riusciamo ad organizzarci x altri incontri futuri!!! Un abbraccio di Luce"!
     Silvana
 
"...E' vero come è scritto nel sito che non solo il bibliodramma facilita l'incontro tra Parola e vita per le persone che si incontrano ma fa anche ci fà crescere spiritualmente ed umanamente..."
     Cinzia
 

 Ci rendiamo conto di quanti miracoli la Parola di Dio opera anche nei piccoli incontri che facciamo all'interno dei gruppi dell'associazione!! Noi stiamo aspettando come una manna questa benedetta cittadella di Frosinone proprio per mettere in pista corsi regolari sul bibliodramma.  

Natalina (formatrice di Nuovi Orizzonti)


E' stata una bella esperienza per me. .. incontrare Cristo cosi... Potergli stringere le mani. ...con gli altri. Cara suor Anna , tienici nella tua preghiera. Grazie per la tua accogliente creatività nel nome di Dio. (Un giovane dopo un'adorazione con danza e bibliodramma)

Sono sempre più convinta dell'efficacia  di questa  modalità esperienziale che si vive con il  Bibliodramma.
Solo l'esperienza vissuta può scrivere sul nostro cuore parole nuove, parole che curano, parole che ricreano, parole che aprono alla fiducia..........  Quello sguardo di Gesù su di me (c'era il brano di Zaccheo) mi è entrato proprio in fondo all'anima e mi ha aperto; quando poi, tornando a casa, ho guardato negli occhi quella mia sorella così distante.....ho visto la ferita profonda del suo cuore e ho provato compassione e affetto.
Ricordo la pace che ho sentito dentro e che ho portato incontrandola veramente!
                                 Clelia (Partecipante di Trieste)

 ho il cuore pieno di gioia per il bellissimo incontro di ieri sera.

Eravano nella sala parrocchiale di Bagnaria Arsa, c'erano 32 ragazzi, stesso percorso dei ragazzi di Santa Maria, e 5 catechisti adulti.

Ho trascorso l'ora precedente al Bibliodramma in preghiera; la mia anima era molto serena.
 Non lo so se è stata questa profonda tranquillità, la sala un po meno dispersiva, le luci con la possibilità di aumentare e diminuire l'intensità, o il gruppo più aperto ma è stato un incontro che ha toccato tutti nel profondo.  Tanti hanno condiviso il loro stato d'animo, sono entrati bene nella drammatizzazione e anche nel rispecchiamento. Siamo riusciti bene a condividere dopo l'immaginazione facilitata; pochi i ragazzi che sono riusciti ad esprimere verbalmente la preghiera finale e forse, come dici tu, è meglio far scrivere ai ragazzi la preghiera.

Qualche ragazzo si è commosso e una catechista alla fine è scoppiata in lacrime miste a sorriso e mi ha detto che anche lei vuol fare il corso per facilitatori di Bibliodramma!

L'incontro è durato quasi due ore!

Al rientro a casa ho ricevuto i messaggi di tutti i catechisti presenti che mi ringraziavano da parte dei ragazzi ma sopratutto per l'esperienza che loro stessi avevano fatto.

Ringrazio Dio che realizza con il poco che siamo e che diamo i suoi grandi progetti di amore per ogni uomo. Grazie ancora  della tua vicinanza. 

                 Giovanna  (Una facilitatrice di Udine... alle sue primissime esperienze di conduzione)

carissima loredana, carissimi voi tutti dell'equipe di bibliodramma, sono emilio valente, parroco nella parrocchia di elbasan (albania meridionale). noi qui abbiamo avuto la fortuna  eil dono di ospitare una formazione residenziale per il corso di base per gli animatori di bibliiodramma, con giovanni brichetti: fu una dono di grazia il tutto.

da li in poi abbiamo sempre utilizzato la metodologia del bibliodramma in diverse occasion,, a volte kon maggiore frequenz a  a volte kon minore frequenza.

vi scrivo koncretamente per ringraziarvi perche sabato passato, in un altra postazione missionaria qui vicina (a gramsh), ho utilizzato il bibliodramma seguendo la scaletta ke mi avete mandato per la 3 dome.d a vvento A. è stata la prima volta ke questi fedeli hanno pregato kon questa metodologia e,, ero titubante,,poi,,alla fine ho avuto modo di verificare, soprattutto attraverso la confessione, quanto bene avesse fatto quel momento di preghiera kol bibliodramma.

quindi: grazie grazie,, ma assai assai  e di cuore, grazie.

vi abbraccio tutti,, anche se probabilmente non ci conosciamo.

a presto... Don Emilio.(Parroco di Elbasan)    


Vi ringrazio di cuore per quello che mi offrite così gratuitamente! e questo mi commuove.
Se dovessi seguire la mia volontà, farei solo bibliodramma dappertutto: scuole, parrocchie,
gruppi..., ma per ora il Signore mi chiede di stare in mezzo a tanti fratelli che hanno bisogno
di tornar a vivere... 
Però penso che pian piano si potrà estendere questa meravigliosa modalità
di evangelizzazione anche nei nostri territori.
 Natalina Z. (CFormatrice, Religiosa di Nuovi Orizzonti).

Padre Ermes Ronchi, dopo aver visto un primo incontro di bibliodramma realizzato presso il suo Eremo nel vicentino, ha richiesto la possibilitàdi effettuarne altri, riconoscendone la notevole validità.
Il Prof. della Pontificia università Gregoriana Don Massimo Grilli, autore di innumerevoli pubblicazioni sulla Parola, ha partecipato ad un incontro internazionale condotto da due facilitatori AIB e si è complimentato per l'esperienza provata.

"...Mi fa piacere dirle che nell’ultimo incontro del Gruppo Nazionale (un gruppo di una decina tra biblisti, catecheti, pastoralisti, che coadiuvano il Responsabile del SAB) si è parlato favorevolmente del Bibliodramma.Penso che non ci sarebbero problemi a trovare una modalità di collaborazione con il Settore per l’Apostolato Biblico dell’Ufficio Catechistico Nazionale. 

Don Nisi